SKYROBOTIC a Dronitaly con l’ RTK: Caboto, Inspector e Hunter

A pochi giorni da Dronitaly si susseguono le anticipazioni. Skyrobotic presenterà a Dronitaly i sistemi Caboto, Inspector e Hunter, tutti integrati con la tecnologia della piattaforma SF6 con tecnologia RTK (Real Time Kinematic) – una geo referenziazione di precisione basata sulla correzione differenziale – che permette al sistema di localizzazione degli Apr una precisione centimetrica del controllo di posizione.

Questo consente di realizzare ortofoto migliori e modelli digitali 3D dei bersagli senza necessità di effettuare ulteriori rilievi, ed anche in zone irraggiungibili. La tecnologia Skyrobotic può essere usata anche con camere ottiche, termiche, multispettrali e micro Lidar.

La stazione di terra fornita da SkyRobotic (Gcs ) è compatibile con ricevitori base Gps/Gnss (Global positioning system / Global navigation satellite system), che con l’implementazione RTK consente di ricevere ed elaborare segnali delle delle costellazioni Gps (L1, C\A; L2 PY); del sistema russo Glonass e della nascente costellazione europea Galileo in modalità E1, per un totale di 226 canali discriminati e utili al calcolo. Il tutto porta l’elaborazione della precisione a 10 mm sul piano orizzontale e a 15 mm su quello verticale; con una frequenza di aggiornamento da 20 a 100 Hz.

La correzione differenziale viene trasmessa al drone attraverso la Ground Station; una volta a bordo dell’Apr, i dati sono associati ai sensori per stabilire i punti nello spazio. Inoltre, qualora non sia stato possibile piazzare il ricevitore di correzione in un punto aperto, è sempre possibile eseguire la post elaborazione dei dati per geo-referenziare correttamente il rilievo effettuato.

Come punti noti si utilizza una rete di stazioni virtuali permanenti (VRS, daVirtual Reference Station), eliminando così la necessità di dover piazzare giocoforza una stazione Gnss.

SKYROBOTIC si troverà ALLO STAND H6 E SABATO 26 SETTEMBRE A 11 IN SALA B CON IL WORKSHOP “Skyrobotic: la soluzione competitiva per lavorare con i droni “

http://www.quadricottero.com/2015/09/skyrobotic-dronitaly-con-l-rtk-caboto.html

SKYROBOTIC PRESENTA CABOTO, INSPECTOR E HUNTER A DRONITALY

Skyrobotic presenterà a Dronitaly i sistemi Caboto, Inspector e Hunter, tutti integrati con la tecnologia della piattaforma SF6 con tecnologia RTK (Real Time Kinematic) – una geo referenziazione di precisione basata sulla correzione differenziale – che permette al sistema di localizzazione degli Apr una precisione centimetrica del controllo di posizione. Questo consente di realizzare ortofoto migliori e modelli digitali 3D dei bersagli senza necessità di effettuare ulteriori rilievi, ed anche in zone irraggiungibili. La tecnologia Skyroobotic può essere usata anche con camere ottiche, termiche, multispettrali e micro Lidar. La stazione di terra fornita da SkyRobotic (Gcs ) è compatibile con ricevitori base Gps/Gnss (Global positioning system / Global navigation satellite system), che con l’implementazione RTK consente di ricevere ed elaborare segnali delle delle costellazioni Gps (L1, C\A; L2 PY); del sistema russo Glonass e della nascente costellazione europea Galileo in modalità E1, per un totale di 226 canali discriminati e utili al calcolo. Il tutto porta l’elaborazione della precisione a 10 mm sul piano orizzontale e a 15 mm su quello verticale; con una frequenza di aggiornamento da 20 a 100 Hz.
La correzione differenziale viene trasmessa al drone attraverso la Ground Station; una volta a bordo dell’Apr, i dati sono associati ai sensori per stabilire i punti nello spazio. Inoltre, qualora non sia stato possibile piazzare il ricevitore di correzione in un punto aperto, è sempre possibile eseguire la post elaborazione dei dati per geo-referenziare correttamente il rilievo effettuato.

Come punti noti si utilizza una rete di stazioni virtuali permanenti (VRS, daVirtual Reference Station), elimimando così la necessità di dover piazzare giocoforza una stazione Gnss.

Skyrobotic presenta Caboto, Inspector e Hunter a Dronitaly

L’Aumento di capitale di Skyrobotic sulla stampa finanziaria e specializzata

MF-Milano Finanza – 12 Dicembre 2014

“Il drone italiano vuole prendere quota”

3B71YE

 

ANSA – SKYROBOTIC: AZIONISTI DECIDONO AUMENTO CAPITALE 970.000 EURO

(ANSA) – PERUGIA, 10 DIC – L’assemblea straordinaria degli azionisti di Skyrobotic (società attiva nello sviluppo, progettazione, produzione in serie e commercializzazione di sistemi aeromobili a pilotaggio remoto nelle classi mini e micro per usi civili e commerciali, parte del gruppo Italeaf), ha deliberato oggi all’unanimità un aumento di capitale di 970.000 euro. In particolare, Italeaf Spa – riferisce un suo comunicato – ha sottoscritto l’aumento di capitale attraverso il conferimento di fabbricati industriali per una superficie complessiva di circa 1.200 metri quadrati circa, per un valore di 870.000 euro, che costituiranno – sottoline il comunicato – il più grande centro italiano per lo sviluppo e la produzione industriale di droni. Da parte sua, Siralab Robotics ha conferito il ramo d’azienda relativo all’attività di studio, progettazione, sviluppo, ingegnerizzazione e realizzazione del vascello robotizzato denominato TrasiBot Unmanned Surface Vessel, per un valore di 100.000 euro. A seguito dell’operazione di aumento di capitale, il capitale sociale di Skyrobotic è pari a due milioni di euro. L’aumento di capitale – conclude il comunicato – ha l’obiettivo di mettere Skyrobotic nelle migliori condizioni per crescere in maniera consistente e veloce nel promettente settore della produzione industriale di sistemi aerei a pilotaggio remoto per usi civili e commerciali e di entrare anche nel segmento tecnologico dei droni navali.

Suas News – Il più importante newsmagazine per gli operatori professionali di droni Leggi l’articolo

Quadricottero News – Skyrobotic delibera aumento di capitale in natura di quasi 1 milione di euro

DronezineSkyrobotic aumenta il capitale e diventerà una SPA nel 2015

StartMagI droni italiani prendono il volo: aumento di capitale per Skyrobotic